Karl Löwith e la storia delle idee

In occasione del cinquantenario della morte di Karl Löwith (1897-1973), il «Giornale Critico di Storia delle Idee» dedica un numero monografico al pensiero e all’opera del pensatore tedesco di origini ebraiche. 

Nella riflessione löwithiana, oltre ad una pars destruens che si identifica con la critica della filosofia della storia e dello storicismo – abbondantemente recepita anche in Italia –, è presente una pars construens volta alla riproposizione della questione della natura di tutte le cose – non sempre invece valorizzata anche dagli interpreti più attenti. 

La questione della natura, sollevata da Löwith in tempi in cui la svolta linguistica la faceva da padrona, acquisisce oggi un ulteriore elemento di attualità a partire dalla crisi ecologica e dalla pandemia nelle quali ci troviamo a vivere. Sono proprio quelle “urgenze della storia” di cui parlava Löwith a proposito della “fatalità del progresso” che sembra dominare il tempo in cui viviamo. 

Contributi di interesse per il presente fascicolo saranno dunque tutti quelli che affrontino in vario modo e dalle più diverse angolature i temi qui sopra accennati, ma più in particolare:


La categoria di secolarizzazione (la pars destruens della filosofia löwithiana) e le sue possibili declinazioni contemporanee. 
Il naturalismo filosofico (la pars construens della filosofia löwithiana) e le sue relazioni con la questione ecologica, bioetica e biopolitica. 
La ricezione della filosofia löwithiana in Italia. 
La ricezione della filosofia löwithiana a livello internazionale. 


Termine ultimo di consegna: 30 Aprile 2023  
Contatti: or.franceschelli@gmail.com; bruni.marco1985@gmail.com 
 

Karl Löwith and History of Ideas

On the occasion of the fiftieth anniversary of the death of Karl Löwith (1897-1973), the “Giornale Critico di Storia delle Idee” (Critical Journal of the History of Ideas) dedicates a monographic issue to the thought and work of the German thinker of Jewish origin. 

In Löwith’s thinking, in addition to a pars destruens that is identified with the criticism of the philosophy of history and historicism – abundantly received in Italy – there is also a pars construens aimed at re-proposing the question of the nature of all things – which is not always valued even by the most attentive interpreters.  

The question of nature, raised by Löwith at a time when the linguistic turning point was dominating, acquires a further element of topicality today, starting from the ecological crisis and the pandemic in which we find ourselves living. These are precisely those “urgencies of history” of which Löwith spoke about the “fatality of progress” that seems to dominate the time in which we live. 

Contributions of interest to this issue will therefore be all those that address in various ways and from different angles the themes mentioned above, but more specifically:
The category of secularization (the pars destruens of Löwith’s philosophy). and its possible contemporary declinations. 
Philosophical naturalism (the pars construens of Löwith’s philosophy) and its relations with the ecological, bioethical and biopolitical question. 
The reception of Löwith’s philosophy in Italy. 
The reception of Löwith’s philosophy at the international level. 

Deadline: 30 April 2023
Contacts: or.franceschelli@gmail.com; bruni.marco1985@gmail.com 
 

Call for Papers